BLOG TOUR, GENERI, GIALLO/THRILLER, LIBRI, RECENSIONE

Review Party – Le Strade del Male – D. R. Pollock – Mondadori

  • Editore : Mondadori (2 febbraio 2021)
  • Lingua : Italiano
  • Copertina flessibile : 312 pagine
  • Genere: Thriller

Il nostro blog è affiliato Amazon, acquistando tramite il link ci aiutate a sostenere il nostro lavoro e per voi non ci sarà nessun costo aggiuntivo,   grazie 

Autunno 1945: Willard Russell, un soldato appena rimpatriato dalla carneficina nel Pacifico, sta tornando in Virginia quando a Meade, Ohio, conosce la bellissima Charlotte. Se ne innamora all’istante e poco dopo la sposa. Né il suo amore, né il sangue versato sul ceppo della preghiera basteranno però a salvarla dalla malattia e dalla morte. Anni Sessanta. I coniugi Carl e Sandy Henderson girano per il Midwest in cerca di autostoppisti sui quali scaricare la loro furia omicida. Il predicatore Roy Laferty e suo cugino Theodore, il chitarrista storpio, si guadagnano da vivere con raccapriccianti numeri circensi. Le strade di tutti loro incroceranno quella di Arvin, il figlio di Willard e Charlotte: un ragazzo in cerca di risposte. Sullo sfondo un’America rurale fatta di chiese e baracche, superstizioni, violenza e miseria. Un mondo nel quale Bene e Male lottano fino allo stremo.

“Le Strade del Male” non è un libro per tutti, crudo ed oscuro ci mostra una storia ciclica che vede come protagonista il dolore, la sofferenza, la crudeltà ed il Male.

Un’ America post-bellica fa da sfondo a vicende e personaggi che si rincorrono e legano ciclicamente le loro vite in una spirale di violenza, odio e vendetta, dove nessuno merita totalmente la redenzione.

Willard ha vissuto le oscenità della guerra sulla propria pelle, ossessionato dall’immagine di un uomo crocifisso ancora vivo, perde totalmente la lucidità quando la sua bellissima e adorata moglie si ammala di cancro, perdendosi in un turbine di follia compulsiva nei confronti di qualsiasi cosa, credendo che l’unica possibilità per salvare la moglie sia di appagare Dio con la preghiera ed i sacrifici.

A farne le spese è il piccolo Arvin che a soli dieci anni si ritroverà orfano e deturpato dell’innocenza dell’infanzia, costretto a subire le ossessioni del padre, arrivando quasi a desiderare la morte della madre per mettere fine alla sua sofferenza e alla penitenza inflitta da suo padre, con cui avrà un rapporto altalenante «non sapeva cosa fosse peggio, se quando beveva o quando pregava. Per quanto riuscisse a ricordare, suo padre combatteva il Diavolo da sempre».

Se davvero esiste il filo rosso del destino, quello che racchiude queste vicende intorno ad Arvin è sicuramente rosso sangue, intriso di putrefazione ed oscenità.

La violenza e la crudeltà più primitiva e nauseante fanno da sfondo agli eventi che porteranno a “chiudere il cerchio”, sarà un percorso tortuoso e devastante, alcuni eventi fanno inorridire, altri fanno crescere rabbia, altri ancora ci fanno riflettere e ci spingono a trovare un senso in questo fiume in piena di violenza.

La religiosità, quella ossessionante, superstiziosa, subdola e mistica fa da sfondo a molte vicende nella storia, fra il ceppo della preghiera che diventa un altare sacrificale, al prete che adesca giovani fanciulle, a predicatori “illuminati” in questo mondo non c’è conforto, nè salvezza ma solo corruzione, violenza primitiva, stupro, morte, sofferenza e serial killer che sfociano nel voyerismo.

«Negli ultimi quattro anni, Carl era andato convincendosi che gli autostoppisti fossero il meglio, e in quei giorni, sulle strade, di autostoppisti ce n’erano un sacco. Lui chiamava Sandy l’esca, e lei chiamava lui il cacciatore, e per entrambi gli autostoppisti erano i modelli»

Una lettura affascinante e disturbante, cruda e d’impatto, oscura e deviata che si legge d’un fiato, consigliatissima, nonostante l’iniziale difficoltà nel districarsi nell’intreccio di storie, il tutto si risolve senza intoppi in maniera fluida ed interessante.

Data la componente particolarmente violenta e cruda non lo consiglio a chi è sensibile a riguardo.

Curiosità:

Dal libro è tratto il film Netflix con:

  • Tom Holland: Arvin Russell
  • Bill Skarsgård: Willard Russell
  • Riley Keough: Sandy Henderson
  • Jason Clarke: Carl Henderson
  • Sebastian Stan: Lee Bodecker
  • Haley Bennett: Charlotte Russell
  • Harry Melling: Roy Laferty
  • Eliza Scanlen: Lenora Laferty
  • Mia Wasikowska: Helen Hatton
  • Robert Pattinson: reverendo Preston Teagardin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...