BLOG TOUR, GENERI, LIBRI, NARRATIVA, RECENSIONE

Review Party – Pagine dal Passato – M. L. Duma – Belle Epoque

  • Editore : PubMe (30 novembre 2020)
  • Genere: Narrativa
  • Copertina flessibile : 301 pagine

Il nostro blog è affiliato Amazon, acquistando tramite il link ci aiutate a sostenere il nostro lavoro e per voi non ci sarà nessun costo aggiuntivo,   grazie 

Estate 1983. Fabiola e Melissa, ventenni e amiche da sempre, si ritrovano a trascorrere le vacanze ad Otranto con i genitori di entrambe e il fratello di Fabiola, il quattordicenne Giacomo, sulla sedia a rotelle da quando aveva sei anni.Il ritrovamento di un diario misterioso in una vecchia villa decadente sarà lo spunto per una sfida che metterà a dura prova l’amicizia delle due ragazze e spalancherà loro un mondo di emozioni e sentimenti contrastanti.Cosa si cela, in realtà, dietro le pagine di quel diario? A chi apparteneva?Un passato non molto lontano tornerà a riaffacciarsi e con esso antiche ombre e strane presenze.Un viaggio malinconico e intenso alla scoperta di se stessi e del profondo valore del perdono.

Buongiorno Lettori,

oggi torniamo a parlare di Pagine dal Passato di Maria Luisa Duma.

Ambientata nella mia bellissima Puglia, per la precisione ad Otranto (qui l’articolo dove analizziamo l’ambientazione), ci ritroviamo in una storia narrata in maniera alternata dalle due protagoniste Fabiola e Melissa, attraverso le pagine di un diario.

Fabiola e Melissa sono due grandi amiche dal carattere diametralmente opposto, una pessimista e malinconica, sente sulle sue spalle colpe che non ha e si arrampica ai pilastri e alle certezze della sua vita, sentendosi costantemente insicura e mai all’altezza delle aspettative; l’altra solare e dinamica, ama mettersi in gioco e buttarsi in nuove esperienze che possono aiutarla a trovare il proprio posto nel mondo.

La prima parte è decisamente lenta e troppo descrittiva, premesso che l’espediente narrativo utilizzato è il Diario, è altamente irrealistico che una ragazza si perda nelle descrizioni dettagliate degli edifici in maniera precisa ed impersonale in quello che dovrebbe essere uno strumento di scrittura molto intimo e personale.

La lentezza della prima parte delle vicende è ancor più accentuata dalla visione delle due ragazze sulle stesse vicende, troppo poco differenti per essere entrambe interessanti ed utili, nella seconda parte quando le ragazze vivranno momenti separati e diversi sarà sicuramente più interessante ed utile leggere i due differenti punti di vista, ci farà entrare più in sintonia con le protagoniste.

Nella seconda metà della storia il ritmo si fa sicuramente più incalzante e coinvolgente, vedremo le ragazze affrontare momenti critici per la loro amicizia e sarà più facile empatizzare con loro.

Lo stile è molto semplice e colloquiale, a tratti troppo pesante e lento, a volte troppo immaturo per delle ventenni, ed è necessario superare l’ingombrante scoglio della prima parte piatta per giungere alla dinamicità e ai risvolti inattesi ed elettrizzanti.

Una storia emozionale che fra alti e bassi vede il suo fulcro nell’amicizia e nella formazione personale, nel passaggio dalla post-adolescenza alla maturità da giovane adulto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...