FANTASY, GENERI, LIBRI, RECENSIONE

Recensione – I Trionfi del Vuoto – Masa – Acheron Books

  • Editore : Acheron Books (10 dicembre 2020)
  • Lingua: : Italiano
  • Copertina flessibile : 450 pagine
  • Genere: Fantasy

Il nostro blog è affiliato Amazon, acquistando tramite il link ci aiutate a sostenere il nostro lavoro e per voi non ci sarà nessun costo aggiuntivo,   grazie 

Sulla Quinta luna, l’Onda – magia antica che promette prodigi – sta morendo. Ma c’è ancora speranza. I destini convergono, le figure si uniscono e si intrecciano in un gioco che può portare rovina o redenzione.
L’Erudito è un ciclope sinistro, che ha abbandonato la vita nei campi per dedicare anima e corpo allo studio. Per ripristinare l’Onda, è disposto a viaggiare fino all’ultimo porto in cui uno come lui dovrebbe andare.
Il Condottiero ha visto massacrare i suoi uomini. Per riscattare il suo onore, ora ha votato se stesso alla riconquista della misteriosa, potente reliquia della sua dea.
Il Maledetto era un capitano, prima che un oscuro sortilegio gli impedisse di posare gli zoccoli sul ponte di una nave. Adesso è solo un fauno di terra, ma è disposto a tutto per tornare quello che era un tempo.
La Reietta sopravvive come una ladruncola nei bassifondi di una città sospesa, che l’ha ostracizzata a causa dello strano marchio che porta sulle ali. Per cercare il suo destino, deve partire e fermare tutti gli altri, prima che sia troppo tardi.
Il loro vuoto è la chiave di tutto.
Quattro protagonisti, quattro carte in gioco, quattro destini che s’intrecciano per sancire le sorti di un continente alla deriva. Le carte sono sul tavolo, la partita è cominciata. In questa sfida pochi conoscono le regole, ma tutti giocano per vincere.

Buongiorno lettori,

oggi vi parlo di una nuova italianissima uscita della Acheron Books, un Epic Fantasy scritto dalle sapienti mani del poliedrico “Masa”.

Devo ammetterlo, la recensione era già pronta da più di una settimana, ma come sapete questi ultimi giorni sono stati e sono terribili per me, così vi beccate la mia opinione in ritardo >.<

Partiamo dai personaggi che per lo più si rifanno alla mitologia classica, scelta che ho davvero molto apprezzato – lo sapete che amo follemente la mitologia! – fra le pagine troviamo creature fantastiche non comuni ed usuali quali ciclopi, fauni, felidi, vittorie alate, titani che si affiancano agli umani; l’allontanarsi dal classico utilizzo di creature quali orchi, nani ed elfi l’ho trovato un punto forte che conferisce originalità alla storia.

Studiamo ed analizziamo il mondo con gli occhi dei personaggi, tutto ciò che scopriamo e sappiamo di esso non deriva da spiegoni esasperanti, ma dalle conoscenze dei vari personaggi, corrette o errate che siano.

Ognuno dei protagonisti è associato ad un Trionfo del Vuoto, carte speciali dei tarocchi che compongono il Mazzo del Vuoto e tutti loro sono legati da un sentimento comune, l’inadeguatezza e la solitudine, avremo: l’Erudito, Bronte il ciclope “diverso” uno dei miei personaggi preferiti, il Maledetto, Ales il fauno, il Condottiero e la Reietta.

I personaggi sono decisamente ben costruiti e strutturati, i loro pensieri e le loro emozioni saranno messi in mostra unendoci in un’onda empatica con ognuno di essi e che peseranno nella loro crescita nel corso della storia – l’introspezione e la tridimensionalità dei personaggi sono sempre un punto forte per quanto mi riguarda, ma devo ammettere che in alcuni momenti mi è mancata un po’ di coerenza riguardo ad alcune scelte.

Altro punto di forza è sicuramente il sistema magico della Quinta Luna creato dall’autore, ben sviluppato ed affascinante: ai classici elementi affiancati alle rispettive divinità Acqua, Fuoco, Terra ed Acqua si affianca il Vuoto, dall’equilibrio fra le varie forze si crea un flusso di forza magica a cui attingere per creare degli incantesimi, l’Onda.

Sarà proprio la labilità e la debolezza dell’Onda all’origine della narrazione e la missione primaria che farà incrociare i destini dei protagonisti, l’equilibrio è stato infranto, quattro elementi sono stati imprigionati nei sigilli che dovranno essere distrutti per ripristinare l’Onda e fermare la deriva.

Come ogni Epic Fantasy che si rispetti la disorientante difficoltà iniziale nell’entrare nella storia è quella di percepire e delineare ogni personaggio ed ambientazione e di districarsi fra gli eventi in corso, prima di poter entrare a capofitto nell’avventura e lo stile dell’autore e la sua scelta narrativa, dopo un’iniziale stasi e lentezza, ci vengono pian piano in soccorso.

Un romanzo corale che ci mostra un’alternanza di POV differenti che rendono la narrazione incalzante ma non troppo serrata, una narrazione che ci concede anche delle pause che ne rallentano ed addolciscono il ritmo per poi accompagnarci al climax e al finale inaspettato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...