LIBRI, RECENSIONE

Le Tre lame – Claudio De Michielis – Bookabook

  • Copertina flessibile
  • Editore: bookabook (23 aprile 2019)
  • Lingua: Italiano

Un viaggio nel tempo per salvare il mondo, tre ragazzi catapultati in un futuro distopico. Claude, Stephen e Johnny attraverseranno un percorso di ricerca e di scoperta, di battaglie e di crescita, alla ricerca del Brando di Helash, l’unico in grado di sconfiggere il male e di riportare la pace. In mezzo a Nani, Troll ed Elfi, i tre ragazzi non avranno altra scelta che compiere la propria missione, rendendo realtà la profezia che li vede protagonisti. Che fare, d’altronde, se il mondo come lo hai conosciuto smette di esistere? Nel futuro delle Tre lame, arretrato e spaventoso, i tre si troveranno a vivere un nuovo Medioevo. E l’uomo non sarà più solo… è il tempo del Ricongiungimento. È il tempo degli eroi.

Le tre lame è il libro d’esordio di Claudio De Michielis, si tratta di un romanzo fantasy che ha visto la sua genesi negli anni ’80 con un autore ancora adolescente che, dopo una serata film con gli amici in compagnia di “Ritorno al futuro” sente nascere dentro di sé l’ispirazione per quello che sarebbe stato il suo primo romanzo.

La storia inizia con paradossi spazio-temporali  che regalano un aspetto fantascientifico all’incipit, per poi diventare un Epic Fantasy di stampo classico.

Le tre lame è la storia di tre ragazzi, che durante una festa, si trovano proiettati in un mondo di incertezza, disorientati in un futuro che sembra distorto e catapultato in un nuovo medioevo, dove la tecnologia è assente e si ha un “azzeramento” della civiltà.

I protagonisti sono i classici adolescenti, con tutte le loro paure, incertezze e difficoltà e si troveranno ad affrontare una missione da compiere.

Durante il loro viaggio faranno molti incontri con personaggi che saranno lì misteriosamente ad aspettarli, e li condurranno verso il loro percorso che sarà ostico e tortuoso, ma che li aiuterà a crescere e maturare.

Si troveranno chiamati a valutare e decidere, costretti a prendersi le loro responsabilità, andando contro alla paura.

Possiamo definire il viaggio dei protagonisti come il paradigma della vita di un adolescente, che in un periodo complesso come l’adolescenza ha semplicemente bisogno di una mano, di una parola amica e rassicurante.

Si nota l’influenza degli anni ’80 sulla storia, un periodo dove l’incertezza regnava sovrana e dove il futuro di un ragazzo era impossibile da prevedere, la tensione da Guerra Fredda, il terrore di un disastro che avrebbe distrutto il mondo, si concretizza nella “colonia” in cui si ritroveranno i nostri protagonisti.

Unica nota dolente, totalmente soggettiva, è un velo di freddezza nella storia, non mi sono sentita molto coinvolta nella storia dal punto di vista emotivo, sebbene la storia sia molto lineare, mi è mancato un po’ il lato “emozionale” nella caratterizzazione dei personaggi e delle vicende.

Il messaggio che vuole lasciarci il libro è che il Bene trionfa sempre sul Male, ma la vittoria richiede impegno, determinazione e sacrificio da parte di tutti. Il messaggio è che però non siamo mai soli, c’è sempre un amico disposto ad aiutarci nei momenti più bui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...